Gli autisti di autobus, fanno un lavoro che molto spesso viene sminuito da chi guarda dall’esterno. Spesso si pensa “Che il conducente venga pagato solo per guidare”. La realtà non è così un’autista di autobus, fa un lavoro impegnativo, che lo costringe a turni giornalieri, notturni, e festivi. Non solo, se parliamo poi dei conducenti di autobus turistici e che quindi arrivano anche in mete estere, il lavoro è ancora più gravoso, infatti non si rientra a casa, si lavora per diverse ore, e si percorrono tantissimi chilometri.

Insomma per tutti coloro che pensano che fare l’autista sia un lavoro senza grandi impegni, si sta sbagliando di grosso. Ma allora quanto guadagna un autista di autobus? E il suo compenso è adeguato al sacrificio lavorativo che compie?

Quanto guadagna un’autista di autobus di linea

Il guadagno tra gli autisti di autobus di linea e quelli di autobus turistici è differente, per vari motivi, innanzi tutto chi lavora sugli autobus di linea, solitamente ha la possibilità di rientrare a casa tutti i giorni, e nonostante i turni che possono essere molto faticosi, non fa ore in trasferta, e quindi accumula così uno stipendio minore.

Un autista di autobus di linea può guadagnare in base al livello diverse cifre. Attenendoci ad uno stipendio base quindi senza scatti di anzianità,lo stipendio base di un autista di autobus di linea è di 1200 euro mensili, a questi si aggiungono, straordinari e notturni, che portano solitamente lo stipendio di un autista a circa 1600 euro mensili.

Se poi gli sono dovuti anche gli assegni familiari per il mantenimento della moglie o dei figli, il compenso sale in base all’importo degli assegni concessi dallo Stato.

Quanto guadagna un’autista di autobus turistici

Un’autista di autobus turistici, solitamente guadagna di più, soprattutto se svolge servizio all’estero. Gli autisti che ad esempio fanno fermate in Germania, Francia, Romania, Austria ecc…possono arrivare a ricevere un compenso anche di 2500 euro.

Questo compenso può sembrare elevato, ma in realtà non è così , infatti chi guida fino a mete estere, spesso ha diverse responsabilità come la validazione dei biglietti per il viaggio, il carico dei bagagli, il controllo di chi sale a bordo. A queste responsabilità, che solitamente vengono pagate meritatamente, si aggiungono le ore di trasferta Italia + le ore di trasferta all’estero.

Quindi il guadagno mensile anche se di 2500 euro , porta comunque l’autista di autobus turistici a intere giornate fuori casa, che anche se compensate dai riposi, devono comunque per legge essere retribuite, come un qualunque operaio che svolga servizio al di fuori del proprio comune di residenza.

Infine, sia agli autisti di autobus turistici che di linea, se assunti regolarmente presso un’azienda pubblica o privata, sono da aggiungersi le mensilità extra quali la tredicesima e in alcuni contratti anche la quattordicesima.