• Benvenuti nel nostro forum dedicato agli autisti di autobus e al mondo del trasporto persone. Qui potrai discutere, condividere esperienze e ricevere consigli. Crea il tuo account per unirti alle discussioni, interagire con altri autisti e navigare senza pubblicità. Ti aspettiamo!

Perché nessuno fa più questo lavoro.

Gedro

Nuovo utente
Messaggi
2
Punteggio reazioni
2
Buongiorno mi chiamo Marco e lavoro da alcuni mesi come autista di pullman Tpl. Premetto che prima facevo altro. Il lavoro di autista mi aveva però sempre intrigato( il turismo) e per questa ragione presi le patenti. Cerco di essere breve: nella mia esperienza sconsiglio vivamente ( almeno a chi è giovane e senza famiglia ) di lavorare nel Tpl, le paghe sono quello che sono ma soprattutto non si ha più una vita sostenibile, tra riposi a 9 ore ed R24, richieste continue di doppi turni e straordinari vari, turni a nastro che diventano ormai una routine, non sai mai precisamente quello che farai a lungo termine, fatta eccezione per le due settimane successive.
È difficile stabilire un ritmo di vita normale, si dorme quando non si ha sonno e si deve stare svegli quando non si è dormito manco un' ora. Sto cercando di informarmi se può valere la pena passare al turismo, per il poco che ne so è un mondo molto variegato ma mi piacerebbe approfondire. Sono rimasto davvero deluso del Tpl, sono entrato in una grande azienda e sinceramente avevo aspettative diverse. L' idea che mi sono fatto è che la normativa in materia di ore di guida è pensata per i camionisti e per il Tpl non va assolutamente bene. Mi piacerebbe argomentare il tutto con qualcuno più esperto e capire se questa realtà è diffusa o solo dove lavoro io...
 
Buongiorno mi chiamo Marco e lavoro da alcuni mesi come autista di pullman Tpl. Premetto che prima facevo altro. Il lavoro di autista mi aveva però sempre intrigato( il turismo) e per questa ragione presi le patenti. Cerco di essere breve: nella mia esperienza sconsiglio vivamente ( almeno a chi è giovane e senza famiglia ) di lavorare nel Tpl, le paghe sono quello che sono ma soprattutto non si ha più una vita sostenibile, tra riposi a 9 ore ed R24, richieste continue di doppi turni e straordinari vari, turni a nastro che diventano ormai una routine, non sai mai precisamente quello che farai a lungo termine, fatta eccezione per le due settimane successive.
È difficile stabilire un ritmo di vita normale, si dorme quando non si ha sonno e si deve stare svegli quando non si è dormito manco un' ora. Sto cercando di informarmi se può valere la pena passare al turismo, per il poco che ne so è un mondo molto variegato ma mi piacerebbe approfondire. Sono rimasto davvero deluso del Tpl, sono entrato in una grande azienda e sinceramente avevo aspettative diverse. L' idea che mi sono fatto è che la normativa in materia di ore di guida è pensata per i camionisti e per il Tpl non va assolutamente bene. Mi piacerebbe argomentare il tutto con qualcuno più esperto e capire se questa realtà è diffusa o solo dove lavoro io...
Confermo quello che dici, anche io arrivo da un mondo diverso e lo ho trovato una delusione. Ti sventolano stipendi da 1500/1800€ che probabilmente portio a casa se fai 50 ore di straordinario e comprensivo dei buoni pasto se ti spettano. Nastri lavorativi che non scendono quasi mai sotto le 9 ore ma sono molto più vicini alle 11/12.
Ciò vuol dire che potrei iniziare alle 6:45 per finire alle 18:45 dove però il tempo remunerato è di 6,5/7/7,5 ore. Perchè allora pubblicizzano cifre così? perche se tu non facessi straordinari porteresti a casa 1300€ lavorando sabato domenica e festivi, cioè quanto un magazziniere che il sabato e domenica a casa lo fa senza dire grazie a nessuno....e se ha il patentino per il muletto anche 1400. qui invece il mese di marzo per renderti conto ho fatto la bellezza di 40 ore straordinarie (PS: sono in cartellino quindi non facoltative), lavorato 2 domeniche (una era Pasqua) e ho portato a casa 1600€ scarse.....HO LAVORATO oltre le 200 ore. Senza contare che mi alzavo alle 5,30 per prendere servizio alle 6:45 e tornavo a casa alle 19:30. Vita di coppia se non convivi ....FINISCE, amici? CIAONE....al ristorante ? se non prendi sonno prima e se arrivi a fine mese e puoi permettertelo.
Pensate che nella filiale della azienda dove lavoro io siamo in 60/65 autisti ( in tutto ne ha oltre 300 di dipendenti) a Marzo se ne sono licenziati in 7, ad Aprile hanno già dato le dimissioni in 10. La permanenza media di un autista in questo tipo di realtà ( salvo quelli a cui mancano 3/4/5 anni per la pensione) è di 9/12 mesi
Il ragionamento logicamente è fatto per un single che abita da solo.
A questo siamo arrivati per una totale inadeguatezza delle forze sindacali che accettano tutto e ti fanno vedere qualche contentino come VITTORIA. Negli ultimi 10/15 anni la professione è diventata da scartare.
Per far capire cosa vuol dire contentino, nella azienda principale della città di Venezia hanno barattato 5 gg di ferie estive ne hanno sempre avute 15) , 12 riposi annuali per 600/1500 € lordi annui solo, oltre a quello citato, non ricevi un richiamo ( anche se non ti suona la sveglia la mattina e può capitare o non ti parte la macchina e non arrivi in tempo per la tua entrata in servizio) fai almeno 2 o 3 sospesi riposi e garantisci almeno 250 giorni circa di presenza all'anno al netto di ferie malattie permessi o quant'altro ( tra ferie, riposi e permessi ne superiamo già 90 se uno li fa tutti).
E secondo voi tutto questo vale se sei fortunato 1500€ lordi ?
Scusate il mio essere stato prolisso ma sono veramente stufo.
 
Ciao, io ho fatto l'Autista per qualche mese. Ho fatto la linea interregionale, turismo e NCC. Vi posso assicurare che NON VALE LA PENA continuare con questa professione che è sfruttata in modo disarmante, perché nessun Datore di lavoro ti permette di rispettare la legge 561/2006 (devi pregare Dio che non ti fermino i Cc perché gli dai la patente senza fiatare). Inoltre, quanto dovrebbe guadagnare un Operatore che trasporta 60 persone con un tre assi, oppure 82 persone con un bipiano che costa 800mila euro ??
Bisognerebbe equiparare la professione di Conducente di Autobus ai Piloti di aereovelivoli perché possiedono le stesse responsabilità !
Poi, c'è pure chi ti fa fare le pulizie del veicolo, le riparazioni e chi ti fa lavorare con catorci di 40 anni che si fermano continuamente o gli si aprono le ante del bagagliaio in curva...
Lasciamo perdere,,,!
 
Che dire. Il fatto che siamo sfruttati è verissimo. Chiaramente equiparare l' autista ad un pilota è un po' eccessivo, sia perché prendere una patente per aereo di linea ha ben altri costi e richiede requisiti sicuramente diversi, oltre ad una mole di studio non per tutti. Inoltre gli aerei sono molto più efficienti Dell'autobus facendo un rapporto tra persone trasportate, prezzi biglietti, velocità di trasferimento ecc ecc.... Però sicuramente gli stipendi degli autisti sono tra i più ridicoli..Aggiungo anche che altra cosa davvero bizzarra sono i tempi di guida e riposo che non si capisce perché nel nostro settore fanno schifo, mentre ad esempio per i piloti di aerei sono fatti molto meglio. Sicuramente sono lavori diversi, ma per quanto riguarda la responsabilità assolutamente equiparabili.
 
Che dire. Il fatto che siamo sfruttati è verissimo. Chiaramente equiparare l' autista ad un pilota è un po' eccessivo, sia perché prendere una patente per aereo di linea ha ben altri costi e richiede requisiti sicuramente diversi, oltre ad una mole di studio non per tutti. Inoltre gli aerei sono molto più efficienti Dell'autobus facendo un rapporto tra persone trasportate, prezzi biglietti, velocità di trasferimento ecc ecc.... Però sicuramente gli stipendi degli autisti sono tra i più ridicoli..Aggiungo anche che altra cosa davvero bizzarra sono i tempi di guida e riposo che non si capisce perché nel nostro settore fanno schifo, mentre ad esempio per i piloti di aerei sono fatti molto meglio. Sicuramente sono lavori diversi, ma per quanto riguarda la responsabilità assolutamente equiparabili.
Mi sono informato da una mia amica assicuratrice. Le ho domandato se c'era la possibilità di istruire una polizza rca (bis) con franchigia che coprisse i danni a persone e cose durante l'attività lavorativa del Conducente. Un'ulteriore assicurazione che potesse sbarrare il pericolo di diritto di rivalsa della rca del veicolo e coprire eventuali danni arrecati allo stesso durante la guida (ammaccature, strisci, vetri rotti..ecc.). Ci sono Società che lo fanno (vedi TUA Abruzzo) con franchigia di 4mila euro !
Purtroppo, queste opzioni, sono riservate alle grandi Aziende e le Compagnie d'assicurazione non accordano al privato questo tipo di copertura, è stata la sua risposta.
 
Indietro
Alto